CARNEVALE DI VENEZIA 2018 

KFJA5705

CARNEVALE DI VENEZIA 2018

 

CARNEVALE DI VENEZIA 2018 – 27 GENNAIO / 13 FEBBRAIO

http://www.carnevale.venezia.it/programma-eventi/

Qui trovi 49 eventi in evidenza. Per scoprire il programma seleziona la data, il luogo o la categoria!
Festa Veneziana sull'Acqua - La Vanità degli abissi ©Vela SpA

27 gennaio

La Festa Veneziana sull’acqua – Parte Prima

  • Ore 18:00
  • Rio di Cannaregio

Il Rio di Cannaregio si trasforma in un vero e proprio palcoscenico d’acqua con uno spettacolo che ogni anno incanta migliaia di spettatori, dove…

Festa Veneziana sull'Acqua - seconda parte 2017

28 gennaio

La Festa Veneziana sull’acqua – Parte Seconda

  • Ore 11:00
  • Rio di Cannaregio

Grand Opening del Carnevale di Venezia 2018

La festa di tutti i veneziani che inaugura il Carnevale, dedicata a cittadini e ospiti della città lagunare, quest’anno raddoppia…

3 febbraio

Il Concorso della Maschera più bella

  • Ore 11:00
  • Piazza San Marco

 

DIVENTA PROTAGONISTA DELLO SPETTACOLO! SFILA IN MASCHERA IN PIAZZA SAN MARCO.

I partecipanti sfilano in passerella, sfidandosi a colpi di costumi, maschere e…

Festa delle Marie - Carnevale di Venezia 2017

3 febbraio

Corteo della Festa delle Marie

  • Ore 14:30
  • Via Garibaldi

La tradizionale “Festa delle Marie” parte…

3 febbraio

Carnevale dei Ragazzi di Zelarino

  • Ore 14:30
  • Zelarino

Il Carnevale dei Ragazzi di Zelarino, giunto alla sua 51^ edizione, vi aspetta anche quest’anno con due momenti all’ insegna del divertimento.

Sabato 3 febbraio

3 febbraio

Mestre Carnival Street Show

  • Ore 15:30
  • Piazza Ferretto

Il 3 e 4 febbraio e dall’8 al 13 febbraio 2018 il CARNEVALE DI VENEZIA celebrerà, a Mestre, l’arte e lo spettacolo per le vie della città, animando piazze, strade e portici con spettacoli di Musica…

Festa delle Marie - Carnevale di Venezia 2017

3 febbraio

Festa delle Marie

  • Ore 16:00
  • Piazza San Marco

La tradizionale “Festa delle Marie” ricorda l’omaggio che il Doge portava annualmente a dodici bellissime e umili fanciulle veneziane, dotandole munificamente per il matrimonio con i gioielli dogali….

3 febbraio

Cena di gala ufficiale e ballo

  • Ore 21:00
  • Ca’ Vendramin Calergi

 

The Official Dinner Show and Ball non è semplicemente una cena.
È un’esperienza esclusiva dove si incontrano i piaceri del cibo e della festa.

Il maestoso palazzo Ca’…

Per altri eventi, clicca: http://www.carnevale.venezia.it/programma-eventi/
VAN GOGH A VICENZA 

La mostra di Van Gogh a Vicenza

7 ottobre 2017 – 8 aprile 2018 in Basilica Palladiana

Una grande mostra dedicata a Vincent van Gogh: 129 opere, di cui 43 quadri e 86 disegni.

La monografica sul pittore copre tutto l’arco della sua produzione, dal 1880 al 1890 e presenta tra l’altro fondamentali esempi relativi al disegno, ambito imprescindibile per Van Gogh.

Negli spazi della mostra verrà proiettato anche il film documentario su Van Gogh* realizzato da Marco Goldin.

Van Gogh. Tra il grano e il cielo

La mostra su Van Gogh: l’opera e la vita, dal principio alla fine

Durante la mostra ci si sentirà idealmente accompagnati da Vincent van Gogh, ripercorrendo, passo dopo passo,
il suo stesso cammino, artistico e biografico, nei suoi luoghi

Image
Vincent van Gogh, Il ponte di Langlois ad Arles, 1888 – Colonia, Wallraf-Richartz-Museum & Fondation Corboud, Collezione di dipinti acquistato nel 1911, inv. n. WRM 1197 © Rheinisches Bildarchiv Köln

La mostra ricostruisce con precisione l’intera vicenda biografica dell’artista, ponendo dapprincipio l’accento sui decisivi anni olandesi, dunque dall’autunno del 1880 nelle miniere del Borinage, per la verità in Belgio, fino all’autunno del 1885 a conclusione del fondamentale periodo di Nuenen.

Indaga poi il periodo parigino e la tanto desiderata immersione nei colori del Sud, prima ad Arles e poi a Saint-Rémy, in Provenza.

Per giungere infine alla conclusione della sua vita con i settanta, febbrili giorni di Auvers-sur-Oise.

http://www.lineadombra.it/vangogh/?gclid=Cj0KCQjw9uHOBRDtARIsALtCa95IHBwG28N_hswoaXSgyXXYn9923KEk72VOitXKj1PRaqMD-wEGcDIaAguiEALw_wcB

Pedalare tra i borghi medievali e castelli minori 

Pedalare tra antichi porti fluviali e borghi medievali

Escursione in bicicletta con accompagnatrice turistica

museo_battaglia0428_phRastrelli.jpg 

Percorso: principalmente su sede protetta e separata dalla viabilità ordinaria, su asfalto, strade bianche o argini fluviali

Da dove partire: Ufficio Informazioni turistiche di Abano Terme ore 9.00

Quando partire:

Difficoltà:  facile, lunghezza totale 37 km, dislivello totale di circa 51 m

Durata prevista: giornata intera (9.00 – 17.30)

Punti di interesse: Castello del Catajo, idrografia superficiale Colli Euganei, Battaglia Terme, Ponte-canale di Montaigne, paesaggio della bonifica, Arquà Petrarca, Casa del Petrarca (previsto ingresso e visita), Castello di Lispida

Attrezzatura specifica necessaria: bici da cicloturismo propria. In alternativa, è possibile il noleggio della bici su prenotazione con un costo supplementare

Traccia percorso:

http://www.gpsies.com/map.do?fileId=yrcncfcfqibywleo&authkey=EEB82A8061F8A5F32CB26E60D2191C266C0D7385CE04D5DF

 L’itinerario proposto segue in parte lo stesso percorso che faceva Francesco Petrarca quando da Padova si recava alla sua casa sui colli. Più tardi la Riviera Euganea sarà percorsa dai numerosi letterati che salivano fino ad Arquà per fare visita alla tomba e alla residenza del poeta.

Alcuni tratti sono semplicemente spettacolari, come quello che precede l’ingresso a Battaglia Terme, dove la vista è dominata dal Castello del Catajo, imponente come un castello, ma affrescato internamente come una villa.

Battaglia Terme, insediamento rivierasco ed antico porto fluviale, è un vero e proprio museo diffuso con curiosi manufatti idraulici e ponti veneziani. Pedaleremo quindi sempre in pianura, sull’argine del Canale di Battaglia, a fianco dell’elegantissima Villa Selvatico – Sartori che ci guarda con vanità dall’alto del Colle di Sant’Elena.

Ci troviamo nel bel mezzo di un celebre paesaggio letterario: attorno a noi ville venete, città murate, opere idrauliche, meravigliosi paesaggi. Nelle Valli Selvatiche, osserviamo il sentiero che ricalca l’antico percorso del fiumicello che prima delle bonifiche cinquecentesche collegava la Costa al canale di Battaglia. E’ lungo questa via d’acqua che il Petrarca arrivava ad Arquà!

Il panorama non è mai uguale a sé stesso e presto raggiungeremo Monselice, città murata. Faremo una piacevole deviazione dall’anello ciclabile per raggiungere la graziosa Arquà Petrarca, uno dei borghi più belli d’Italia, città medievale tra le migliori conservate. L’insediamento presenta un singolare bipolarismo: due borghi, due chiese e due piazze. Francesco Petrarca, precursore non solo dell’Umanesimo, ma anche della villeggiatura,  scriveva così di Arquà:

“Fuggo lacittà come ergastolo e scelgo di abitare in un solitario piccolo villaggio, in una graziosa casetta, circondata da un uliveto e da una vigna, dove trascorro i giorni pienamente tranquillo, lontano dai tumulti, dai rumori, dalle faccende, leggendo continuamente e scrivendo”.

Ci addentriamo nel paesaggio spirituale e ci rechiamo alla sua casa, perché “si sente qui il grande spirito vivo e presente, richiamato anche dal paesaggio bellissimo, così conforme al tono della sua poesia soave e melanconica” (Adolfo Callegari).

Il percorso di ritorno ci porta vicino alla tenuta del Castello di Lispida, storica dimora che ospita importanti cantine. In cantina l’identità dei luoghi si scioglie in un calice di vino e il vignaiolo diventa protagonista della storia che abbiamo vissuto in una giornata di sole e brezze.

Pedalar tra borghi e porti

Escursione in bicicletta con degustazione finale in azienda agricola

 Percorso: circolare, principalmente su sede protetta e separata dalla viabilità ordinaria, su asfalto, strade bianche o argini fluviali

Da dove partire: Castello di Valbona, via Castello 2, Lozzo Atestino (PD), coordinate GPS 45.296039, 11.602353

Difficoltà:  facile, lunghezza totale 16 km, dislivello totale di circa 17 m

Durata prevista: mezza giornata

Punti di interesse: Monte Lozzo, Castello di Valbona, Vo’ Vecchio, Villa Contarini-Venier (previsti ingresso e visita), Lozzo Atestino

Attrezzatura necessaria:  bici propria oppure è possibile il noleggio di bici (anche elettrica) con un costo supplementare

Traccia percorso:

http://www.gpsies.com/map.do?fileId=nyedffueelpgbtph&authkey=69D0F5AA3439D3C4DE771EEC4BEFC39AE2F3BF40643BE4A5

 C:\Users\george\Desktop\castello valbona.jpg

 Vi invito a scoprire il profilo fiabesco dei Colli Euganei dalla sella della bici, seguendo una parte dell’anello ciclabile che contorna l’area collinare.

Partiamo da una zona di ruralità di bassa pianura che gode di insospettabili qualità ecologiche, storiche e monumentali. La campagna è costellata di boarie, aziende agricole tipiche dei Colli Euganei e di alcune province emiliane. Il nome indica un caratteristico sistema di conduzione del passato dove il lavoro era eseguito da salariati fissi, boari, che venivano compensati con una quota-parte dei prodotti agricoli.

La vista è monopolizzata dal Monte Lozzo, campione esemplare delle forme euganee, un tipo ideale messo in risalto dalla sua collocazione isolata rispetto al gruppo collinare. Le forme del monte raccontano le vicende geologiche millenarie, mentre il paesaggio agricolo narra la storia degli uomini. La bonifica in questa zona è stato un difficile processo di addomesticamento iniziato presto e finito tardi, così come testimonia il paesaggio fatto da canali, scoli, antiche paludi e un grande vuoto di abitazioni con poche boarie e piccoli nuclei agli incroci tra le vie navigabili e le vie terrestri.

La vista è dominata dal Castello di Valbona che noi osserveremo da vicino e che è servito sia dalle vie terrestri che dalle vie fluviali. Monte Lozzo era un sentinella avanzata verso il Vicentino ed il Veronese ed il Castello di Valbona è l’unico sopravissuto dei tre castelli che proteggevano questo colle e che erano posizionati in modo simmetrico.

Antichi sono anche i canali, maestro fra di loro il Canale Bisato che farà compagnia per il tratto successivo fino a Vo’ Vecchio. Il toponimo indica un “guado”, un passaggio tra gli Euganei ed i Berici. Vo’ Vecchio è un antico porto fluviale, con una storia molto interessante, ancora intuibile dalla pianta del borgo composto dalla villa, le due barchesse, l’oratorio di San Lorenzo, la piazza del mercato e l’antico approdo fluviale. Ci soffermeremo a visitare la seicentesca Villa Contarini Giovanelli – Venier, espressione della storia veneziana di terraferma, ma anche di vicende tristi più recenti. Infatti la Villa diventò nel dicembre 1943 luogo di concentramento degli ebrei della province di Padova e Rovigo e oggi è un luogo della memoria.

 Riprendiamo la pista ciclabile dei Colli Euganei per il rientro. Pedaleremo quindi sempre in pianura, sull’argine del Canale Bisato, sul bordo delle ordinate campagne agricole di recente bonifica.

Il panorama non è mai uguale a sé stesso e presto raggiungeremo Lozzo Atestino. Il borgo è una tappa naturale tra il colle e la pianura. Sorgeva anche qui un castello, nel luogo ora occupato dalla Villa Correr. E’ interessante notare come la chiesa nasce all’incrocio tra la strada che scavalca in quota i fianchi calcarei del Monte e la via d’acqua. Qui la geografia è una geometria del paesaggio.

Pista ciclabile Treviso-Ostiglia (tra boschi e Ville Venete) 
 

Immagine 6

Villa Contarini . Piazzola sul Brenta (PD) 
 

piazzola

Pista ciclabile nei dintorni della villa e la pista ciclabile Treviso-Ostiglia

E’ possibile raggiungere Piazzola e Villa Contarini in auto o con i mezzi pubblici, ma anche in bicicletta

sulla direttrice della pista ciclabile Treviso-Ostiglia. E non solo: una volta arrivati in piazza Camerini

o nei dintorni della villa, è possibile percorrere degli itinerari ciclabili tra la VIlla e gli argini del fiume Brenta.

SCUOLE – Nutrire il pianeta. Energia per la vita – Percorso didattico: “La festa è servita”

Passeggiando tra la Villa e il parco, immagineremo di festeggiare a suon di musica, tra prodotti del campo, cacciagione del bosco e una magnifica cornice affrescata, dove miti e leggende sono legati ai frutti della natura e alla ciclicità delle stagioni produttive.

La dimora di campagna è un palcoscenico che ospita invitanti banchetti e scenografiche feste musicali. Scopriremo i giusti ingredienti per fare bella figura con ospiti illustri in arrivo dalle corti del mondo conosciuto, creando meraviglia tra gusti artistici, nuove bevande e sapori dell’epoca della Repubblica di Venezia. Sapori da tutto il mondo, che fanno conoscere meglio le diverse culture che lo popolano.

Il percorso è adatto agli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado.

SCUOLE – La Grande Guerra 1915-18 – Percorso didattico “La guerra in casa. Sul filo della memoria”

 

Il percorso didattico si propone di raccontare ai giovani visitatori la Grande Guerra com’era vissuta nelle retrovie, prendendo come spunto la storia di villa Contarini e di Piazzola sul Brenta: città industriale che continua a lavorare malgrado il rischio di essere occupata, e allo stesso tempo trasformata in una piccola Babele dove, in attesa di trasferimento al fronte, si affollano soldati provenienti non solo da tutte le regioni d’Italia, ma anche da altre Nazioni. La quotidianità sarà cambiata da innovazioni portate dalla guerra, e poi entrate nell’uso comune: le automobili, il telegrafo, l’aeroplano, e così via. Gli studenti saranno accompagnati in un percorso che si snoderà nelle sale della Villa, alla ricerca di tali testimonianze, rappresentate non solo da oggetti tipici dei soldati, ma anche fotografie d’epoca e oggetti della vita di tutti i giorni, comuni nella società italiana dei primi del ‘900.

Il percorso è adatto agli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado.

 

·        Tutti gli eventi e news

·        Info e orari

·        Pianta della Villa

·        Sala Stampa

·        Rassegna Video

·        Dove Siamo

Regione del Veneto – Villa Contarini cf/p.iva: 03298360268 Tel: 049.8778272 / 8273 email: villacontarini@regione.veneto.it

 

Informazioni e Orario Visite

http://www.villacontarini.eu/it/eventi-e-news.html

Per la visita della Villa, servizio di accompagnamento obbligatorio incluso nel biglietto di ingresso.

Gli interni della villa sono interamente visitabili, esclusa la biblioteca.

Ogni ultima domenica del mese Mercatino dell’antiquariato in Piazza P. Camerini.

Chiuso Natale e Capodanno.

 Ingresso (in vigore da gennaio 2012):

  • FAMIGLIE (due adulti e fino a tre minorenni entro i 14 anni)  EURO 14,00
  • adulti  EURO 7,00
  • comitive (min. 20 persone) è gradita la prenotazione  EURO 5,00
  • studenti Scuole superiori e Università   EURO 4,50
  • anziani oltre i 65 anni  EURO 4,50
  • ragazzi dai 5 ai 14 anni  EURO 3,50
  • visita al solo parco:  biglietto unico EURO 3,50   non è consentito l’accesso al parco ai minori di 18 anni, se non accompagnati

ORARI DI APERTURA
Villa Contarini- Fondazione G.E. Ghirardi è aperta al pubblico con i seguenti orari:

Periodo estivo
Dal 1° marzo al 31 ottobre
Tutti i giorni (domeniche e festivi compresi)
dalle ore 9.00 alle ore 19.00
chiusura biglietteria ore 18.00
Mercoledì chiuso

Periodo invernale
Dal 1° novembre al 29 febbraio
Tutti i giorni (domeniche e festivi compresi)
dalle ore 10.00 alle ore 16.00
Mercoledì chiuso

Per la visita della Villa, servizio di accompagnamento obbligatorio incluso nel biglietto di ingresso.

Gli interni della villa sono interamente visitabili, esclusa la biblioteca.

Ogni ultima domenica del mese Mercatino dell’antiquariato in Piazza P. Camerini.

Chiuso Natale e Capodanno.

 Ingresso (in vigore da gennaio 2012):

  • FAMIGLIE (due adulti e fino a tre minorenni entro i 14 anni)  EURO 14,00
  • adulti  EURO 7,00
  • comitive (min. 20 persone) è gradita la prenotazione  EURO 5,00
  • studenti Scuole superiori e Università   EURO 4,50
  • anziani oltre i 65 anni  EURO 4,50
  • ragazzi dai 5 ai 14 anni  EURO 3,50
  • visita al solo parco:  biglietto unico EURO 3,50   non è consentito l’accesso al parco ai minori di 18 anni, se non accompagnati

Novità – Percorso ciclabile nei dintorni della villa e la pista ciclabile Treviso Ostiglia

 

E’ possibile raggiungere Piazzola e Villa Contarini in auto o con i mezzi pubblici, ma anche in bicicletta sulla direttrice della pista ciclabile Treviso-Ostiglia. E non solo: una volta arrivati in piazza Camerini o nei dintorni della villa, è possibile percorrere degli itinerari ciclabili tra la Villa e gli argini del fiume Brenta.

http://www.villacontarini.eu/it/eventi-e-news.html

 

.

Fiera di Vicenza 

Hotel Venice: l’albergo ideale per la Fiera di Vicenza.

La Fiera di Vicenza organizza molti appuntamenti interessanti durante tutto il corso dell’anno, fra i quali spicca sicuramente la fiera orafa VicenzaOro, l’evento fieristico più importante a livello internazionale per il settore dell’oreficeria e dei gioielli.

La fiera si suddivide ogni anno in tre diversi momenti : il primo è VicenzaOro First, che si tiene abitualmente in Gennaio; segue VicenzaOro Charm, tenuta a Maggio, e conclude VicenzaOro Choice, nel mese di Settembre. L’Hotel Venice è a vostra disposizione per accogliervi durante i periodi di Fiera con la massima professionalità, partner ideale del vostro soggiorno di business. L’albergo può soddisfare nel migliore dei modi tutte le vostre esigenze collegate agli eventi della Fiera di Vicenza.

INIZIATIVE COLLATERALI

Il successo di una manifestazione deriva anche dai suoi contenuti. VICENZAORO First propone dunque, una fitta serie di eventi e di incontri tesi ad approfondire e analizzare i temi più caldi del settore. Un servizio supplementare che Fiera di Vicenza mette a disposizione dei suoi clienti e visitatori, nell’intento di fornire strumenti e mezzi per combattere le sfide dei mercati. Degne di nota anche le esposizioni e le rassegne collaterali che valorizzano argomenti e items di gioielleria.

Fiera di Padova 

Hotel Venice: l’albergo perfetto per la Fiera di Padova.

La Fiera di Padova allestisce molti eventi importanti nel corso di tutto l’anno, fra i quali si ricordano la Fiera Campionaria, il Flormart, la Fiera Auto e Moto d’Epoca.

L’Hotel Venice è a vostra disposizione per un’accoglienza sempre impeccabile, partner ideale del vostro business; l’albergo può soddisfare pienamente tutte le vostre esigenze collegate alla vostra presenza nella Fiera di Padova.

Fiera di Verona 

Hotel Venice: l’albergo conveniente per la Fiera di Verona.

La Fiera di Verona indice ogni anno molti appuntamenti fieristici importanti, fra cui Vinitaly – la più importante fiera vinicola d’Italia, la Fiera Agricola, il SolarExpo, la Fieracavalli.

L’Hotel Venice si propone come partner ideale del vostro business; l’albergo può ospitarvi durante tutti gli eventi fieristici soddisfacendo pienamente tutte le vostre esigenze.

Fiera del Soco 

Fiera del Soco, la Fiera più grande del Veneto

Grisignano di Zocco, ogni anno, il tranquillo paese di provincia cambia volto per diventare per sette giorni il centro del Veneto: si tiene infatti qui l’Antica Fiera del Soco, fiera paesana nata nel 1763, che richiama annualmente oltre 700.000 visitatori. Dal Venerdì al Giovedì che precedono e seguono il primo Lunedì dopo l’8 Settembre, fra le strade del comune di Grisignano è possibile trovare un’infinità di bancarelle del mercato, assaporare le specialità proposte dai tanti stand gastronomici, assistere a mostre artigianali e commerciali, visitare il Luna Park.

L’Hotel Venice si trova esattamente al centro della manifestazione, in una posizione privilegiata per avere tutta la fiera a portata di mano; l’accurata insonorizzazione dell’albergo e delle camere permette un ottimo riposo anche durante i giorni della fiera, e il parcheggio privato in area recintata consente di posteggiare comodamente e al sicuro.